VIAGGIATORI CLANDESTINI

VIAGGIATORI CLANDESTINI

Andiamo, di paese in paese, clandestini

da una vita, abbiamo occhi ricolmi di cime di monti,

Dolomiti d’Ampezzo dai canaloni innevati.

Attraversiamo strade e fiumi, canali naviganti

giù fino a Venezia dove s’apre il mare che guarda

le coste slovene.

Siamo stati per anni viaggiatori abusivi,

migranti d’amore

senza cittadinanza

senza patria e bandiera,

non avevamo giardini di rose,

ci nascondemmo

nelle case diroccate,

come a Pentidattilo,

come ai bastioni di Pentimele.

Abbiamo coltivato questo amore nascosto,

immarcescibili ricordi conservando

per quando sarà il tempo del perdono,

attori anonimi senza teatro

recitammo la tragedia

che al suo ultimo sipario

ancora non scrive la parola fine.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...